TEST

TEST PLICOMETRICO – Questa valutazione funzionale ci permette di determinare sia in valore assoluto che in percentuale i valori di massa grassa (tessuto adiposo) e massa magra (in particolare massa muscolare). È un test che periodicamente tiene sotto controllo l’atleta fornendo delle precise indicazioni sulla eventuale ipotonia muscolare o sull’eccessiva percentuale di massa magra presente e soprattutto localizzandola nei punti maggiormente interessati.

TEST INCREMENTALE E TEST DI MADER (con analisi del lattato ematico) – sono test volti alla determinazione della frequenza cardiaca dii soglia anaerobica  e potenza corrispondente nel caso del ciclismo. Il protocollo viene ottimizzato tramite il il prelievo del lattato ematico durante lo sforzo in modo tale da ottenere la curva f.c./ lattato e potenza / lattato.

TEST POTENZA/CADENZA – Questo test serve per valutare la forza massima applicata alle varie cadenze di pedalata (RPM) evidenziando anche il picco di potenza massima e l’andamento della potenza alle diverse cadenze (RPM).

TEST WINGATE – questo test fa parte delle procedure anaerobiche utilizzate per il calcolo prestazionale. Si rilevano il picco di potenza, il tempo per raggiungerlo  il power drop, ossia il calo di potenza dall’inizio alla fine del test e la potenza media meccanica.

PROGRAMMI PERSONALIZZATI

La corretta pianificazione dell’allenamento diventa garanzia di buona preparazione e consente ottime probabilità di successo; personalizzare gli allenamenti sulla base delle proprie possibilità ed esigenze, lavorative, di famiglia, personali in genere, diventa fondamentale per la razionalizzazione e l’efficacia del lavoro.

Il tutto ovviamente coadiuvato da alcuni parametri oggettivi determinabili attraverso le valutazioni funzionali. Sarà pertanto costruito un vestito su misura per l’atleta mirando gli obiettivi agonistici eventualmente pianificati

MENTAL TRAINING

 “Ho sempre lottato per raggiungere l’eccellenza. Una cosa che mi ha insegnato il ciclismo è che se puoi raggiungere qualcosa senza lottare allora non ti soddisferà.” – GREG LEMOND

  • Consapevolezza della proprie capacità, sia fisiche che mentali
  • Comunicazione efficace con il team
  • Gestione della fatica e dello stress
  • Apprendimento di tecniche di preparazione mentale per ottenere la prestazione ottimale
  • Gestione dell’errore e dell’insuccesso
  • Percorsi personalizzati per affiancare l’atleta durante l’infortunio